L’Atletica La Sbarra & I Grilli Runners è un’Associazione Sportiva Dilettantistica di Tor Tre Teste, attiva nel panorama podistico regionale e nazionale dal 1999. Siamo affiliati alla Federazione Italiana Di Atletica Leggera e all’Associazione Sportive e Sociali Italiane (ASI).

L’attuale composizione della società deriva dall’unione delle due principali società del Parco di Tor Tre Teste: la storica “Atletica La Sbarra” - costituita nel 1999 che prese il suo nome dalla sbarra che delimita uno degli accessi settentrionali del Parco (dal lato della Borgata del Quarticciolo) e che coincide con lo start di molti dei percorsi che quotidianamente i runners del parco percorrono per i loro allenamenti - e la più recente “I Grilli Runners” - gravitante più nell’area meridionale del Parco in corrispondenza della pista di atletica “Antonio Nori” dove è attivo il gruppo di allenamento dei nostri istruttori federali Vincenzo Ciurleo e Italo Merolli e il cui nome derivava da una collaborazione con un’Associazione Culturale del confinante quartiere della Rustica denominata “Il Grillo Parlante” attiva principalmente in ambito di riconoscimento di spazi e diritti dei bambini

Questa unione tra due realtà ha di fatto accresciuto quantitativamente e qualitativamente i valori tecnici della squadra. Non a caso abbiamo voluto lasciare entrambi i nomi, proprio per rendere ancora più evidente l’identità definita di due gruppi che hanno scelto di proseguire insieme un percorso non solo sportivo ma anche e soprattutto umano, che era già molto consolidato anche al di fuori del campo gara. Che tutti si conoscono e molti hanno una profonda amicizia anche al di fuori del mondo del running e delle gare è senz’altro un vantaggio e un valore potenziale enorme anche per le dinamiche gestionali interne. 

La nostra attività si svolge prevalentemente all’interno del Parco di Tor Tre Teste, un polmone verde situato all’interno del Municipio Roma V e strutturato intorno ad un tratto dell’Acquedotto Alessandrino. Riteniamo fondamentale, come ASD, promuovere delle attività sociali parallele a quelle agonistiche: tra queste la principale è quella legata alla promozione del nostro territorio e delle aree verdi che lo caratterizzano. Il rilancio di aree verdi urbane inserite in contesti marginali e spesso degradati delle periferie romane è uno dei nostri obiettivi associativi. In questo lo sport può essere un veicolo molto importante per ridare linfa a territori in cui domina incontrastato il disagio urbanistico e sociale.

Per questo motivo, in ambito regionale, la manifestazione alla quale siamo più legati è la “Corri per il Verde”, una corsa a tappe nella natura dei parchi di Roma che si corre ininterrottamente da ormai 47 anni e che ci ha visto, come società maschile, salire sul gradino più alto del podio nelle ultime due edizioni. C’è con questa manifestazione una totale sintonia e condivisione degli ideali storici: il rilancio di aree verdi in zone marginali della città caratterizzate spesso da situazioni di degrado urbanistico. Le aree verdi urbane sono luoghi, talvolta residuali, in cui è possibile riscoprire uno spirito di collettività contrastando il disagio sociale che talvolta caratterizza questi quartieri. In questi anni abbiamo avuto modo di conoscere dei parchi che non avevamo mai visitato, con delle potenzialità di ripresa enormi per il territorio periferico romano.

Dopo tanti anni a correre negli altri parchi della città abbiamo deciso, nel 2017, di avviare il processo per la costituzione di una nostra manifestazione di corsa campestre. Il progetto “Tor Tre Teste Cross Country” si ispira agli ideali dei Cross Country britannici e prevede un percorso di circa 6 km sviluppati su un doppio giro, su fondo erboso e su sentieri sterrati, costruito intorno all’Acquedotto Alessandrino.

La partecipazione di atleti di livello qualitativamente alto sia in ambito Master sia Juniores ha determinato un interesse alla manifestazione tale da essere inserita nel calendario regionale della FIDAL e ritenuta valida come Campionato Regionale ASI. In queste prime due edizioni la gara è stata sviluppata secondo i criteri di una gara individuale. L’evoluzione e l’obiettivo per il prossimo futuro è direzionare la manifestazione a una competizione a squadre coinvolgendo le ASD locali, nello stile della prestigiosa Great Edinburgh Cross Country.

Per quanto riguarda l’aspetto agonistico nel 2018 hanno corso con i nostri colori 150 atleti, di cui 46 donne. Siamo molto attenti alle manifestazioni che prevedono una classifica di società perché vogliamo promuovere, in maniera sostenibile, il messaggio di identità e unità di squadra. Dopo aver vinto le edizioni 2016 e 2017 (al maschile) delle Corri per il Verde e, sempre nel 2017, la Staffetta 12xMezz’ora (sia al maschile sia al femminile), quest’anno dopo averla inseguita per molti anni ci siamo imposti nella prestigiosa Staffetta 12x1 Ora al maschile e abbiamo centrato per il terzo anno consecutivo il secondo gradino del podio in ambito femminile.

A livello individuale invece, sempre nel 2018, abbiamo conquistato due medaglie d’oro e una medaglia di bronzo ai Campionati Regionali Individuali Master di Cross a Rieti e due medaglie d’oro, tre medaglie d’argento e due medaglie di bronzo ai Campionati Regionali Individuali Master su Pista a Latina e Roma.

Tra i nostri tesserati sono presenti atleti di assoluto valore nazionale e regionale.

Il nostro atleta più rappresentativo e simbolo della squadra è Giuseppe D’Antone, 60 primavere, dominatore della sua categoria e ancora capace di correre un 10.000 su strada sotto i 36 minuti.

In rampa di lancio c’è senz’altro Fabrizio Spadaro, classe 1988, 33.33 sul 10.000 e 01.15 in mezza maratona, determinante per la conquista della Staffetta 12x1 Ora con una frazione corsa dovendo rimontare al suo avversario quasi 1.000 metri.

Stefania Gabrielli, Alina Elena Balauca e Chiara Lorenza Velocci sono le punte di diamante della squadra femminile che sta crescendo anno dopo anno, soprattutto nelle gare in pista e nei cross.

I campioni regionali Pino Masi, Vincenzo Paduano, David Branca e Massimo Mantellassi guidano la squadra nelle gare in pista e saranno i principali protagonisti dei CDS Italiani Master Indoor in programma ad Ancona il prossimo febbraio 2019.

La squadra Master è composta anche da “vecchie glorie” che hanno caratterizzato la scena del podismo romano anni ’80 e ’90: Alberto Alfieri, Mario Ardizzi, Piero Canalis, Vincenzo Ciurleo, Gianni Mulazzi, Lanfranco Salvati e Matteo Simone.

Da due anni a questa parte abbiamo attivato una collaborazione con un gruppo di podisti di Pomezia, coordinati da Domenico De Vito, che è diventato parte integrante del team.

Il settore giovanile è guidato da Italo Merolli, istruttore federale che opera prevalentemente nella pista di Tor Tre Teste e allo Stadio delle Terme di Caracalla.

La pagina Facebook ufficiale della squadra (https://www.facebook.com/AtleticaLaSbarra/) è aggiornata con cadenza settimanale e comprende le immagini e i risultati dei nostri atleti alle competizioni ufficiali. Nel sito internet ufficiale www.lasbarraconigrilli.it è consultabile un blog di psicologia e sport a cura dello psicologo atleta e ultramaratoneta Matteo Simone che concentra la sua attività scientifica di ricerca sulla resilienza nello sport, sugli aspetti psicologici che caratterizzano le attività agonistiche in ambito di ultra maratone e sulla presentazione di libri inerenti il mondo del running.

Quest’anno abbiamo anche attivato un profilo Instagram in lingua inglese (https://www.instagram.com/sbarragrilli/) per favorire l’esportazione del nostro brand anche al di fuori dei confini nazionali.

La principale collaborazione è con Achilles International Roma la cui missione è permettere di fare sport alle persone con ogni tipo di disabilità, così da raggiungere gli obiettivi personali, aumentare l’autostima e abbattere tutte le barriere. In particolare forniamo un servizio di guide per atleti non vedenti. Gli allenamento ufficiali si svolgono al Parco degli Acquedotti il martedì e il giovedì pomeriggio. Le attività sono coordinate dal nostro atleta Raffaele Vitale e da Ada Maria Ammirata, campionessa italiana sui 1.500 e sui 5.000 nella categoria Non Vedenti T11. Questa attività ci ha permesso di scoprire un lato dello sport e dell’agonismo molto diverso da quello abituale e che ci responsabilizza ulteriormente. Diversi atleti non vedenti sono attualmente tesserati con noi e partecipano ad alcune delle manifestazioni sportive a cui prendiamo parte.